Una lancia spezzata in favore di Michele Serra


 

Bullismo a scuola: quanto se ne parla in questi giorni! È bastato poi l’intervento di Michele Serra, intellettuale molto ascoltato dalla middle class, ed ecco che la bagarre si è ulteriormente infiammata, vigorosa.

Salvo poi, tra qualche giorno, ad essere dimenticata e sostituita, poniamo, con il fidanzamento di Albano e Maria de Filippi. Questa sì, una notizia bomba!

Nessun moralismo, però. È così che vanno le cose nel nostro mondo-merce. Il bullismo scolastico? Lo si può trovare sul secondo scaffale a sinistra, a destra dell’ISIS, sotto la Corea del Nord e poco prima della Coppa dei Campioni, del grande supermarket globale in cui viviamo.

Eppure un antico “filosofo del sospetto” ci aveva insegnato a non fidarci delle apparenze e, soprattutto, a non considerare gli eventi separati dal contesto che li ha generati. Un contesto che va indagato con gli strumenti della scienza, economica e politica e non solo con quelli, spesso tautologici, della sociologia, della pedagogia, della psicologia, “che si limitano a descrivere, non a cambiare” la realtà cui si applicano. Diciamola, la parolaccia, con un’analisi di classe di quanto accade, e non solo a scuola.

È in fondo quello che ha tentato di fare, mal compreso, Michele Serra, il quale ha poi meglio specificato che:

“Lo sdoganamento dell’ignoranza è uno dei più atroci inganni perpetuati ai danni del popolo, e io penso (e lo scrivo da decenni) che faccia perfettamente parte dello sdoganamento dell’ignoranza l’idea che sia “classista” indicare con il dito proprio la luna: ovvero la differenza di classe. È quello che ho cercato di fare in quella famigerata Amaca”.

Proseguiamo su questa falsariga. Si innalzano grandi lai per la decadenza dei “valori”, della perdita di “autorità” della famiglia e delle istituzioni educative: è un caso tutto ciò, è “colpa” dei populisti, siamo in piena e inarrestabile decadenza? Oppure quel che accade è il naturale portato di uno sviluppo economico e politico che ha condotto alla vittoria del modello capitalistico-finanziario più estremo, con l’annichilimento della politica e la conseguente mercificazione degli esseri umani su scala globale?

Chi ha avuto interesse a che si perdessero identità, gerarchie, radicamento? Chi ha voluto che fossimo tutti clienti e non più cittadini? Quando si fanno richiami generici alle virtù perdute, perché ci si scandalizza se si dice, come Serra, che

“Il popolo ‘sta sotto’, che è messo male, che ha meno e che sa di meno, che ieri era carne da cannone e oggi carne da pubblicità, che al popolo cinquant’anni fa si dava in prima serata l’Odissea di Franco Rossi e oggi gli si danno filmacci americani con sparatoria e squartamento …”? Non bisognerebbe andare un poco oltre e approfondire l’analisi?

Tout se tient: non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca. Se facciamo la battaglia contro i “sovranismi” e poi agitiamo in sostituzione gli ideali vuoti di un europeismo di maniera, fatto di slogan, se abbiamo voluto e perseguito il trionfo della “doxa” (vedi il peso dei sondaggi e delle classifiche nella nostra vita), perché meravigliarci degli esiti violenti e “barbari” di chi questa condizione patisce, costretto com’è a vedere il mondo dal marciapiede, attraverso le sue vetrine piene di luci?

Abbiamo accettato un modello di sviluppo per cui “globale è comunque e sempre bello”, un modello escludente ed emarginante, che lascia agli ultimi solo cascami e illusioni di senso, riservando esclusivamente a chi ha potere, cultura e libri la possibilità di riconoscere una propria identità, abbiamo precluso scientemente alle istituzioni educative pubbliche, private e di Stato, di fungere da ascensore sociale, trasformandole in meri recinti di contenimento del disagio giovanile, fatti di competizione, di premialità, di “verifiche oggettive”, di “competenze” e adesso ci meravigliamo di certi esiti? Bastava vedere cosa stava già succedendo qualche decennio fa al centro dell’impero, dove la violenza nelle scuole (quelle per i poveri, naturalmente) era endemica e crescente.

Bando dunque ai piagnistei moralistici, alle nostalgie per un mondo che fu, prima lucidamente demolito e poi vanamente e tartufescamente rimpianto.

Accettiamo piuttosto ciò che sta accadendo nelle scuole come “un danno collaterale” di questo tipo di sviluppo, analogo a quello provocato dalle “bombe intelligenti”.

Il nocciolo di verità delle parole di Serra, largamente fraintese, sta nella questione del rapporto tra licei e istituti tecnici e professionali. Qui, se si riuscisse a trovare da qualche parte una testa pensante, si dovrebbe agire e in fretta. Come? Ad esempio:

  1. – generalizzando la creazione di Istituti superiori unici, in cui si attivino filiere liceali, tecniche e professionali. Lo scambio tra docenti e studenti di diversi indirizzi e provenienze sociali “costretti” a convivere e a condividere gli stessi spazi fisici e didattici gioverebbe di sicuro;
  2. – elaborando logiche premiali per i docenti che agiscano in ambienti socio-culturali demuniti e difficili, giungendo a sostanziosi incrementi stipendiali per chi voglia e sappia impegnarsi di più e meglio su quel fronte;
  3. – Smettendo di identificare in automatico la scuola superiore con il liceo. Gli istituti tecnici italiani sono stati e sono ancora tra i migliori d’Europa, sono scuole severe, dove molto spesso si studia di più e meglio che non nei licei. La loro immagine va valorizzata come merita: perché, ad esempio, quando si annunciano le materie delle prove di maturità, il greco o il latino, che riguardano il 5% circa degli studenti, sono sempre le prime ad essere comunicate, mentre quasi mai si parla di quelle tecniche e professionali?

Pannicelli caldi, mi rendo conto, soprattutto perché, al di là delle ipocrisie, non si vuole una scuola davvero autorevole: altrimenti il famoso cliente globalizzato non si accontenterebbe di leggere le etichette sui prodotti, potrebbe non più cadere nelle mille trappole delle seduzioni mercificanti e, chissà, anche attrezzarsi per dare l’assalto alla cittadella.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...